Consigli

Gemma e il Divezzamento

In questo articolo vi racconto la nostra esperienza di Gemma e il Divezzamento.

Gemma e il Divezzamento

Come ben sapete, Gemma ha iniziato il divezzamento con farine e pappe frullate (ma sempre con carne, pesce, formaggi freschi e legumi preparati da me). Ma questa fase è durata non troppo, si è stufata abbastanza velocemente.

Abbiamo allora cominciato ad inserirle la pastina e cibo a pezzetti, che da subito ha gradito.

Erano cibi morbidi come frittate, polpette di carne, pesce e verdure, tortini di verdure e formaggio. Un po’ faceva da sola, un po’ l’aiutavamo noi finché non ha migliorato la presa.

Siamo arrivati ad oggi, da poco compiuto l’anno, che mangia praticamente di tutto, basta che siano cibi che possa gestire in autonomia e con le sue manine (per esempio le minestre e le zuppe me le tira dietro 😅), anche se a volte vuole essere aiutata/imboccata.

Stiamo provando ad approcciarla alle posate, ma mi sa che sarà cosa ardua!

Posso dire che abbiamo intrapreso un percorso tradizionale che poi si è trasformato in base alla volontà e ai gusti di Gemma.

Non sempre ha mangiato e mangia un pasto che si potesse/può considerare completo: in quel caso, si integrava/integra con il latte.

Ricordate che fino all’anno il latte rimane l’alimento principale.

Gemma, ormai da un po’ di mesi, mangia con noi. Sotto al seggiolino dispongo una tovaglia per terra.

Perché?? Perché, mamme, finisce un sacco di cibo in terra 😅 faranno lanci degni dei campioni delle olimpiadi! Il cibo potrebbe diventare ornamento per i capelli, gioco perfetto per essere spantegato in ogni dove e tanto altro!

Ci vuole pazienza e giorno dopo giorno andrà sempre meglio. Perché anche il cibo è una delle tante scoperte che faranno!

Non tutti sono favorevoli all’autosvezzamento. Io penso una cosa: i genitori conoscono i propri figli e devono agire in base al proprio istinto. Ogni genitore sa quello che è meglio per loro e agisce di conseguenza.

Le testimonianze di Gemma e il Divezzamento

Nel video sottostante, la ragazza aveva 7 mesi.

Di seguito, 8 mesi.

Si cresce, 10 mesi.

Andando avanti, 11 mesi.

Raggiunto l’anno!

E le vostre esperienze? Avete voglia di raccontarmele?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.